Articoli del 2021 · Cina · Crisi Covid-19 · Da altri siti · Dal Mondo · Geopolitica

Julie Tang, Giudice della C.S. USA, commenta la questione della “giornalista” Zhang Zhan. (Traduzione)

Julie Tang

Julie Tang è una giudice in pensione della Corte Suprema di San Francisco.
Giurista molto rispettata e ricordata in particolare per aver contribuito allo sviluppo del primo Tribunale per la violenza domestica a San Francisco nel 1997. La sua passione per la giustizia a sostegno delle vittime di violenza va oltre la sua carriera giudiziaria. Nel 1997 ha co-fondato la Coalizione di riparazione per lo “stupro di Nanchino” con il giudice Lillian Sing per chiedere riparazione alle vittime del governo giapponese.
Dopo il suo ritiro, il giudice Tang ha nuovamente collaborato con il giudice Sing per formare la “Comfort Women” Justice Coalition, l’organizzazione che ha costruito con successo il San Francisco “Comfort WomenMemorial nel 2017. Attualmente lavora come mediatore per la risoluzione delle controversie arbitrali (ADR ) e trascorre il suo tempo libero istruendo la comunità e lottando per la giustizia delle sopravvissute al fenomeno delle “Comfort Women”.

In questo articolo, commenta la vicenda di Zhang Zhan, la “giornalista” arrestata a Wuhan.

LA MIA OPINIONE SULLA SENTENZA ZHANG.
di Julie Tang

Volevo solo aggiungere la mia opinione alla sentenza Zhang.

Quando questa informazione mi è stata inoltrata per la prima volta, la didascalia è stata realizzata così ad arte che per un secondo sono rimasta confusa, ma sono diventata sospettosa quando l’articolo ha usato le parole “Wuhan Virus” nella didascalia.
L’articolo, a prima vista, suggeriva che a Zhang fosse stata data una condanna troppo lunga per aver semplicemente esercitato la cosiddetta libertà di parola. Ma ora che vengono fuori più informazioni, sembra che ci sia di più di quanto suggerisce l’articolo.

In primo luogo, Zhang è chiamata “giornalista cittadina“, il che significa che è priva di credenziali giornalistiche e quindi nessuna etica professionale a cui aderire nei suoi rapporti di “giornalista“.
È fondamentalmente una cittadina cinese che ha un enorme accesso ai social media occidentali, inclusi tweeter, WeChat e il New York Times. Sembra essere la persona di riferimento per rilasciare interviste ai notiziari anti-cinesi, a The Epoch Time e a Radio Free Asia. E’ stata chiamata a Wuhan nel mese del lock down e ha cercato di entrare con la forza negli ospedali. Ha cercato di filmare persone malate anche se Wuhan era in un rigoroso blocco e in allerta contro il virus. Ha in maniera evidente violato le regole del blocco in modo da poter fornire notizie false ai media occidentali per aiutarli a costruire l’isteria anti-cinese nel mezzo di una pandemia. La sua condotta e il suo comportamento erano illegali e creavano gravi rischi per la salute e mettevano in pericolo la vita dei cittadini cinesi.

Moon of Alabama” (sito di discussione politico-economica, ndt) lo ha definito molto chiaramente. Niente di ciò che ha detto è stato confermato. In effetti, erano false. A Wuhan non c’era il ritorno del virus nel giugno 2020 come ha riferito ai media. Era falso. Durante quei mesi critici in cui Wuhan era in ripresa, la diffusione di informazioni false poteva avere un effetto devastante sul morale delle persone e mettere a repentaglio gli enormi sforzi che il paese ha fatto per salvare vite umane, e la miglior risposta alle sue bugie è stata una foto fatta circolare due mesi dopo, nell’agosto 2020, di centinaia di giovani a Wuhan che stavano organizzando un concerto rock rave. Ad oggi, negli Stati Uniti non possiamo ancora fare nulla del genere. Ma i media occidentali attribuivano un alto livello di importanza e credibilità alle sue false dicerie e ora la pubblicizzano come vittima della persecuzione cinese.

Una parola sulla sua sentenza. Devo ricorrere al nostro codice penale statunitense come riferimento poiché la risposta alla sua condanna si basa sugli standard democratici occidentali di equità e giustizia.
Negli Stati Uniti i giudici hanno ampia discrezionalità nella condanna fintanto che rimangono all’interno delle linee guida. In California abbiamo la condanna definitiva. Ciò significa che per ogni condanna penale c’è una formula. Ad esempio, un reato d’infrazione è inferiore a 1 anno di reclusione e una multa monetaria.
Un reato grave è un crimine che comporta una pena massima di più di un anno in carcere. I crimini più gravi della California possono anche essere puniti con la morte. I fattori che una Corte considera sono il crimine stesso, la persona condannata per il crimine e le circostanze del crimine, compresi i fattori di aggravamento e attenuanti.
Da quello che ho letto, la pena massima che Zhang poteva ricevere era di 5-6 anni. Ma ha ricevuto una condanna a 4 anni, in considerazione delle circostanze del reato, dove la Cina aveva dichiarato lo stato di guerra contro il virus e messo in massima allerta i cittadini, mettendo tutto e tutti in attesa
Ha inviato il l’Esercito, medici militari e infermieri a Wuhan per combattere il virus. Ogni provincia doveva inviare i suoi migliori medici e il suo team medico a Wuhan per salvare la Cina. La Cina non ha risparmiato denaro o risorse per combattere il virus. L’intera economia cinese è stata sospesa. Era il capodanno cinese. Nessuno in Cina poteva festeggiare e alla gente è stato detto di restare a casa e di non avvicinarsi alle strutture ospedaliere perché avrebbe impedito alle squadre di soccorso di svolgere il proprio lavoro. Una violazione penale relativa a uno stato di guerra così accentuato che pregiudica la sicurezza della vita umana deve essere presa molto sul serio. Sarebbe lo stesso qui negli Stati Uniti e la corte avrebbe ampia giustificazione per dare una punizione più severa che se fosse in tempi pacifici. Anche se il crimine era qualcosa come “disturbo della quiete”, che è un’infrazione in California, ciò che Zhang ha fatto non è stata un’infrazione, non qui negli Stati Uniti o in Cina. Per il popolo cinese, ha violato un principio base dei diritti umani, una violazione del diritto di tutti di essere liberi dal virus e di restare in vita, questo credo sia lo spirito della legge per cui è stata condannata.
La domanda più grande sarebbe; anche se una condanna a 4 anni può essere tecnicamente corretta alla luce della sua applicazione della legge cinese, è troppo dura o disumana, come vorrebbe intendere l’articolo del NY Times? Da quello che vedo, qui è dove i nostri valori occidentali sono in conflitto con i valori dei diritti umani cinesi. Nei paesi occidentali, la libertà individuale regna sopra la libertà di gruppo, ma in Cina osservano la teoria del bene superiore. Il governo cinese considera la vita umana la sua massima priorità nella gerarchia dei diritti umani, e non posso dirlo ugualmente per i valori occidentali, visto come la Cina e l’Occidente differiscono nella gestione della pandemia.
L’azione di Zhang ha messo a repentaglio la vita. E deve essere ritenuta responsabile della sua azione affrontando una sentenza commisurata alle circostanze in cui è stata commessa e per il bene della società.
In altre parole, il suo diritto individuale alla libertà di espressione, per raccogliere notizie con lo scopo principale di inviarle nei paesi occidentali con cui la Cina era nel mezzo di una guerra fredda, deve lasciare il posto al diritto alla vita di 11 milioni di cittadini di Wuhan e 60 milioni di persone nella grande provincia di Hubei.
La Cina ha trattato la pandemia molto seriamente e con successo. Ogni cittadino cinese doveva assumersi la responsabilità della salute e della sicurezza di tutti gli altri. Ciò che Zhang ha fatto, in realtà, è stato l’opposto. Si è intrufolata in zone pericolose per scattare foto, ha scritto storie che hanno alimentato la curiosità occidentale e ha sostenuto l’attacco alle misure “draconiane” della Cina e presunte “bugie” sulla pandemia. Queste narrazioni sono state infondate e rimproverate dal successo della Cina nel contenere la pandemia. Non hanno alcun valore tranne che si aggiungono alla guerra dell’informazione che l’Occidente sta conducendo contro la Cina.
Inoltre, era una recidiva, essendo stata arrestata e avvertita di rimanere fuori dall’epicentro in precedenza. Ma è tornata indietro e ha continuato a fare ciò che era stata avvertita di non fare, una condanna a 4 anni alla luce delle circostanze sembra ragionevole.

Il presidente dell’Uganda ha detto, “Durante una guerra, non insisti sulla tua libertà. Ti arrendi volentieri in cambio della sopravvivenza.” Quanto è corretto!
Questo è lo spirito comune cinese durante la pandemia. Ed è per questo che la Cina è fuori dai guai ora.
Zhang ha violato non solo la legge di Wuhan sul blocco, ma il suo precedente comportamento di divulgare notizie sui media occidentali contro la Cina solleva anche lo spettro di un cattivo motivo per continuare a fare lo stesso, e non per la verità.

Tuttavia, sono sicura che i media occidentali faranno del loro meglio per la sua condanna e sentenza. E sono sicura che presto al Congresso verrà approvato un disegno di legge per sanzionare quei giudici che hanno emesso la sentenza. Per rappresaglia, la Cina dovrebbe considerare di sanzionare Trump per aver perdonato i 4 mercenari della Blackwater che hanno ucciso 14 iracheni innocenti e condannati dopo un processo equo. Questi quattro criminali condannati dovrebbero essere inviati in Iraq per un nuovo processo, ma sfortunatamente, la giustizia come la definisce un imperialista, non si tratta affatto di giustizia.
È la sua interpretazione che conta.

ARTICOLO IN LINGUA ORIGINALE

Un pensiero riguardo “Julie Tang, Giudice della C.S. USA, commenta la questione della “giornalista” Zhang Zhan. (Traduzione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...