Articoli del 2021 · Attivismo · Commemorazioni · Poche righe · Politica · Repressione e controllo

Il sasso che infastidisce ogni 20 Luglio.

Un post scritto sulla pagina Facebook il 21 Luglio (giorno seguente del ventennale della morte di Carlo Giuliani), ha suscitato una forte partecipazione, soprattutto in messaggi privati inaspettatamente positivi.
Lo ripropongo qui sul sito.

Durante la puntata dedicata al G8 di Genova di Porta a Porta del 20 Luglio 2001 (giorno della morte di Carlo Giuliani), mentre Gianfranco Fini parla di “legittima difesa” e Bruno Vespa di “lancio di una bombola di gas“, Piero Fassino invita iscritti, militanti ed elettori a disdire la loro partecipazione alle manifestazioni del giorno dopo.

Mi tolgo il sasso che mi ha infastidito per tutto il 20 Luglio:

dal G8 di Genova, la destra ne uscì vittoriosa e criminale, come sempre, quindi i commenti a da questa parte dello schieramento politico li posso perfettamente comprendere (rimarcando il fatto che sono basati su completa ignoranza dei fatti e criminali nel sostenerli). Ma gente che per 20 anni ha votato DS/PD, magari tutt’ora si ostina a seguire il Partito Democratico (in ogni sua diversa mutaforma), e oggi mette la foto di Carlo con scritto “avevamo ragione”…
NO, cari miei.
Le gente torturata e massacrata a Genova, così come Carlo riverso a Piazza Alimonda, erano lì per denunciare e combattere contro quello che per vent’anni avete ostinatamente votato, e che sostenete ancora, cioè il neoliberismo più predatorio.

Stesse persone che in questo incubo di follia liberale che sta intossicando il momento sul tema del DDL ZAN, addormentandoci su tutti gli altri temi, è arrivato a scrivere “a Genova eravamo lì per combattere le differenze di genere” (non scritto da un singolo, sta minchiata pure su qualche testata l’ho letta).
Di nuovo, NO belli miei… In quel lago di sangue si combatteva la GLOBALIZZAZIONE LIBERISTA, con tutti i danni sociali che a cascata si portava (e ci ha portato) appresso: disuguaglianze, razzismo, delocalizzazione, disoccupazione, guerra fra poveri, crisi perenne, imperialismo, colonialismo, ingerenza geopolitica, divario nord-sud del mondo, inquinamento, occidentalismo culturale, ecc… ecc… ecc…

Che poi ogni movimento di sincera sinistra progressista sia contro qualsiasi tipo di discriminazione, è ovvio e storico, ma questa è una strumentalizzazione da vomito, quasi da Libero (quotidiano).

La differenza di genere, che in alcuna misura potremmo inserire negli effetti del liberismo, oggi è tema di gruppi, associazioni e ideologie smaccatamente liberali, che quel “No” global non lo digeriscono tanto, perché in fondo, sono figli e prodotti proprio della globalizzazione liberale americana.

Scomodo da dire, peggio da tenere come sasso nella scarpa…

PS: scusate, ma il G8 ogni anno è una coltellata su una ferita che non si chiuderà mai.

Sostieni il sito

Ogni articolo o servizio fotografico è realizzato per una fruizione gratuita. Ma contenuti di qualità richiedono tempo e (purtroppo) denaro. Se hai apprezzato qualcosa e vuoi sostenere il sito, il Riccio ringrazia!

2,00 €

Donazione una tantum

Scegli un importo

€2,00
€5,00
€10,00

In alternativa inserisci un importo personalizzato


Apprezziamo il tuo contributo.

Fai una donazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...