Articoli del 2020 · Attivismo · Cina · Crisi Covid-19 · Dal Mondo

Coronavirus, gli aiuti della comunità cinese all’Italia. “Siamo sulla stessa barca”.

IMG_20200301_122505_827
Materiale in partenza da Liushi, provincia di Zhejiang
Con ormai una bassissima diffusione di nuovi casi, 42.000 pazienti guariti e il 99% delle catene di supermercati riaperte, la Cina si avvia lentamente verso la conclusione dell’emergenza da COVID-19.

Il pneumologo cinese Zhong Nanshan ha preventivato che la situazione sarà totalmente sotto controllo entro la fine di Aprile, questo grazie alla forza delle misure adottate dal Governo cinese.

Attualmente l’Italia è uno dei paesi con più casi di coronavirus al di fuori della Cina, insieme alla Corea del Sud, all’Iran e al Giappone.

Nonostante il nostro Paese abbia mostrato uno dei suoi lati peggiori nella gestione di questa emergenza, partendo da un’informazione sensazionalistica, una politica attenta alla sola convenienza elettorale e diffusi atti di discriminazione e razzismo nei confronti non solo della comunità cinese, ma degli asiatici;
la solidarietà cinese non si è fatta attendere, in particolar modo della comunità presente in Italia.
Dalla città di Liushi, nella provincia di Zhejiang, sta partendo un consistente invio di materiale, in particolare mascherine, da donare alle zone d’Italia più colpite dal virus.
Molti cinesi che vivono in Italia provengono da questa provincia e l’invio del materiale nasce da una raccolta fondi da loro organizzata.
Possiamo accompagnare l’iniziativa con le parole di un’appartenente alla comunità cinese qui in Italia, proveniente proprio dalla prefettura di Liushi, che così commenta:
“Noi viviamo qui, l’Italia è il nostro secondo Paese, siamo tutti sulla stessa barca. Noi cinesi ci stiamo organizzando per aiutare e appoggiare l’Italia”.

Come riportato sui pacchi in preparazione: “Siamo con voi, forza Italia!”.

Questo episodio non costituisce un caso singolo.
Il 28 Febbraio è stato consegnato il primo lotto di materiale per la prevenzione donato dalla comunità cinese di Wenzhou al Centro di prevenzione epidemica d’emergenza del Piemonte a Torino, contenente mascherine 3M, FFP2, occhiali, guanti, camici e altro materiale essenziale.
Mentre la comunità cinese di Milano ha avviato una raccolta fondi per l’acquisto dei tamponi per il test da donare alla Regione Lombardia. I tamponi prodotti nella regione di Wenzhou, oggetto della donazione, riescono a dare un risultato in tempi più brevi rispetto a quelli utilizzati attualmente in Italia. La comunità cinese attende solamente il via libera all’acquisto da parte delle autorità italiane.
Aiuti in un momento difficilissimo per i lavoratori cinesi, che hanno visto abbattere i loro ricavi economici dal 70 al 90% a causa dell’immotivata psicosi che sta investendo il Paese.

87988258_2992907724087509_6532802908285566976_o88017753_2992909877420627_2584521030206750720_o

Ricordiamo che, dall’inizio della crisi da coronavirus, in Italia il prezzo di tutti i materiali utili alla prevenzione (vera o presunta) quali mascherine, gel disinfettante, guanti monouso, ecc., hanno subìto un aumento vertiginoso dei prezzi, a ribadire il nostro alto livello di rispetto e coscienza civica.

89469599_3106646626046941_5566880298311876608_n
Citazione di Seneca sul materiale in dono all’Italia.

AGGIORNAMENTO:

  • Materiale da parte della Repubblica Popolare Cinese:
    Il Governo della Repubblica Popolare Cinese, ha fatto sapere tramite l’Ambasciata che invierà all’Italia 2 milioni di mascherine ordinarie, 100.000 di massima tecnologia, 20.000 tute protettive, 50.000 tamponi per i test sul coronavirus, inoltre, massima priorità a tutte le aziende cinesi per le forniture all’Italia, in particolar modo per 1.000 ventilatori polmonari.
    89642167_3010318069013141_9174495266076622848_n
  • Invio di medici specializzati:
    Per combattere insieme l’epidemia da Covid-19, il governo cinese ha inviato un team di esperti medici in Italia, formato congiuntamente dal National Health Commission of China e dalla Red Cross Society of China. Il team volerà oggi a Roma insieme alle donazioni delle attrezzature e dei materiali sanitari d’emergenza.

     

     

  • Comunità cinese di Napoli
    89622963_832975673844592_4745499422501109760_n
  • Videomessaggio di vicinanza all’Italia

 

  • Secondo invio di medici specializzati dalla Cina per assistere il nord Italia, insieme a 9 tonnellate di materiale sanitario, ventilatori, monitor e aiuti vari.
    Atterrati a Milano.

     

  •  Alibaba Foundation regala 500.000 maschere all’Italia

 

  • Il Centro Culturale Cinese di Milano sta distribuendo gratuitamente mascherine sanitarie in via Paolo Sarpi, Milano.

sarpi

  • Piccole iniziative. Una famiglia cinese di Parco Leonardo (Fiumicino), regala mascherine ai condomini.

89916561_10218890719553227_2199462068065665024_o

  • Comunità cinese dell’Esquilino (Roma) regala mascherine 

La distribuzione è iniziata dal 21 Marzo. Sarà possibile ritirarle, fino a esaurimento scorte, anche il 22 Marzo dalle 15 alle 16 e il 23 Marzo dalle 10 alle 12 per un massimo di 10 mascherine a persona, presso la chiesa cinese di Via Principe Eugenio.
Link all’articolo.

rep

  • TERZO CONTINGENTE
    Il terzo team di medici cinesi esperti in #COVID19, proveniente da Fujian, è atterrato a Milano, pronto per assistere i colleghi italiani nella lotta contro l’epidemia in Toscana. Ad accogliere il team c’erano l’ambasciatore Li Junhua, il console generale a Milano Song Xuefeng, il console generale a Firenze Wang Wengang e il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi. Insieme al team, sono sbarcati 30 ventilatori polmonari, 20 monitor, 300mila mascherine e molto altro materiale sanitario in donazione! #ForzaCinaeItalia!
    LINK

Marcello Colasanti

 

LINK UTILI:
Arriva a Torino il primo lotto di materiale per la prevenzione epidemica donato dalla comunità cinese di Wenzhou

Coronavirus, in Cina riaprono i maggiori supermercati

Tamponi dalla Cina: la comunità cinese acquista kit per Milano

Invio di medici – Ambasciata della RPC

Coronavirus, le mascherine: prezzi gonfiati e sistema in tilt tra sciacalli e burocrati

ARTICOLO SCRITTO PER “IL GIORNALE DEL RICCIO”, VIETATO COPIARNE IL CONTENUTO ANCHE PARZIALE SU ALTRI SITI.
CHIEDIAMO GENTILMENTE DI CONDIVIDERE DIRETTAMENTE IL LINK DELL’ARTICOLO E DEL RELATIVO FACEBOOK.
GRAZIE PER LA DIFFUSIONE.

 

2 risposte a "Coronavirus, gli aiuti della comunità cinese all’Italia. “Siamo sulla stessa barca”."

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...